50 taio

CLICCA QUI PER VEDERE IL FILMATO CON LE TAPPE FONDAMENTALI DELLA NOSTRA STORIA

Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 133

La nostra storia

Nato a Malgolo nel 1965 grazie alla passione per la montagna e per le sue canzoni di un gruppo di amici, il coro ha attualmente la sua sede a Romeno ed è composto da trentasei elementi che provengono da una decina di paesi gravitanti attorno al Santuario di San Romedio, dal quale il complesso canoro prende il nome. 

Per quarant’anni il coro è stato diretto con grande passione e competenza dal maestro Fabio Pedrotti, che con il suo modo di fare semplice ed umile ha dato a tutti i suoi coristi importanti lezioni di canto e di vita. Attualmente il gruppo corale è diretto dal maestro Luigi De Romedis.

Nel corso della sua storia il Coro S. Romedio-Anaunia si è proposto come interprete della cultura popolare trentina espressa attraverso il canto, testimoniando le storie, le tradizioni, gli amori e la gioia della nostra gente in numerosi concerti in regione, in Italia e all'estero (Austria, Germania, Grecia, Inghilterra, Liechtenstein, Spagna, Svizzera, Bulgaria e Stati Uniti).

Indimenticabili alcuni momenti particolari come le sei incisioni ("La tera del nono" , 1978, "Verdi campi addio", 1990, "Questa l'è la contrada....", 1998, “Voci nel silenzio …”, 2011, "Come le biade..."  2014, "La tera del nono" vol. 2, 2015), le prime affermazioni ai concorsi ENAL di Bolzano e il conseguimento del primo premio al Concorso Nazionale di Brentonico nel 1992.

Nel febbraio 1997 il Coro S. Romedio Anaunia si è esibito in un ottimo concerto nella sala grande del Conservatorio G. Verdi di Milano.

Il coro mantiene stretti rapporti di amicizia con i cori Liederkranz e Allegretto di Waldhilsbach, con il Mannerchor di Biessenhofen e con il Coro Armonie di Neuhausen in Germania, con il coro Oches de S. Annosata di Bitti (Sardegna) e con il coro femminile Detska Kitka di Plovdiv in Bulgaria.